STENOSI DEL CANALE CERVICALE

Che cosa è la stenosi del canale cervicale? Che é la mielopatia cervicale?

La spina dorsale è composta da una serie di vertebre interconnesse. All’interno della stessa corre il midollo spinale e dei nervi in un canale longitudinale su e giù, conosciuto come il canale spinale.

Spondilosi cervicale
Con l’età, i dischi diventano disidratati, perdono altezza e producono protrusione nel canale spinale, riducendo le sue dimensioni. Questa perdita di altezza del disco fa sì che il legamento che collega vertebre e legamento giallo dietro, riducano l` altezza e si ingrossino, contribuendo a ridurre le dimensioni del canale spinale. Anche l’ipertrofia delle faccette articolari (piccole articolazioni tra ogni due vertebre nella parte posteriore di esse) aiuta a ridurre le dimensioni del canale spinale. Questi cambiamenti sono comuni dopo 50 anni di età e determinano stenosi spinale cervicale canale.

Il ridimensionamento del canale spinale può essere lento o veloce, ma alla fine provoca la compressione del midollo spinale o delle sue radici e altera la loro funzione. La stenosi del canale cervicale è un restringimento del canale spinale cervicale, mentre la mielopatia cervicale è lesione del midollo spinale determinata dalla stenosi del canale cervicale.

Normale canale spinale cervicale
Stenosi del canale vertebrale cervicale
Normale canale spinale cervicale
Stenosi del canale spinale cervicale
Normale midollo spinale cervicale in canale spinale cervicale di dimensioni normali
Midollo spinale cervicale compresso e distorto in canale spinale cervicale stenotico
Normale midollo spinale cervicale in canale spinale cervicale di dimensioni normali
Midollo spinale cervicale compresso e distorto in canale spinale cervicale stenotico

Quali sono i sintomi?

La stenosi del canale spinale cervicale non sempre causa sintomi. La metà dei pazienti ha avuto dolore al collo o alle braccia e la perdita di forza nella parte superiore o quelli inferiori. Agli arti superiori può essere debolezza, rigidità e  mano torpe (incapacità di abbottonare una camicia, ruotare la maniglia di una porta o l’apertura di un vasetto). I sintomi possono includere debolezza degli arti inferiori, le cadute, e/o la necessità di usare un bastone. Urgenza urinaria (quando si sente il bisogno di andare in bagno non si può controllare e se si tenta di fare è di perdite di urina) si può verificare. In casi molto avanzati ci può essere la completa perdita di controllo dell’intestino e della vescica (urinaria e/o rettale).

Compressione cervicale dolore radice nel braccio
Compressione del midollo spinale con mielopatia
Compressione di una radice cervicale con dolore nel braccio

Compressione del midollo spinale con mielopatia

La progressione dei sintomi varia. A volte il degrado è lento ma progressivo, in altre occasioni si ferma in un momento particolare, mentre in alcuni casi evolve rapidamente o puó fare piccoli salti come i denti di una sega.

Come è diagnosticata?

Si sospetta dai sintomi presentazione del paziente e dai risultati dell’esame neurologico. E ‘importante effettuare una diagnosi precoce per evitare danni irreversibili:

  • Aumento riflessi anormali in ginocchia e caviglie, a volte accompagnato da un movimento ripetitivo conosciuto come clono. Il riflesso del piede è in estensione, piuttosto che in flessione.

  • Diminuzione dei riflessi tra le braccia con la comparsa di un riflesso delle dita è noto come riflesso di Hoffman.

  • Anormale andatura strisciando i piedi.

  • Perdita di sensibilità alle mani e/o ai piedi, a volte rende difficile abbottonare una camicia o di notare un cambiamento nella posizione dei piedi.

La gamma di movimento e flessibilità del collo tendono a diminuire con l’età e non indica necessariamente la presenza di disordini del midollo spinale o delle sue radici.

Semplici studi a raggi X del rachide cervicale possono aiutare a sospettare l’esistenza di stenosi spinale cervicale. Tuttavia il miglior test diagnostico è la RM, in quanto non mostra solo le vertebre e dischi, ma ci permette anche di valutare la compressione del midollo spinale e il grado di sofferenza. Tomografia computerizzata o TAC può meglio vedere l’osso, ma non tessuto nervoso. Se il contrasto viene iniettato all’interno del canale del midollo spinale (mielografia) può sempre permettere la valutazione del livello di compressione.

Immagini RM di stenosi spinale cervicale con segni di lesione del midollo spinale cervicale
Immagini RM di stenosi spinale con segni di lesione del midollo spinale cervicale
Immagini RM di stenosi spinale cervicale con segni di lesione del midollo spinale cervicale
Immagini RM di stenosi spinale cervicale con segni di lesione del midollo spinale cervicale 

Gli studi elettrofisiologici permettono di distinguere tra radicolopatia o mielopatia cervicale ed altre malattie. La elettromiografia o EMG analizza la velocità di conduzione nervosa e quindi permette di sapere se sono in trappola e dove sono esattamente. I potenziali evocati somato-sensoriali sono utilizzati per valutare il comportamento dei percorsi neurali del midollo spinale e la sua alterazione indica una compressione. Questo studio può anche contribuire ad escludere altre malattie che possono essere confuse con mielopatia cervicale.

Quali cure sono disponibili?

Nei casi meno avanzati in pazienti anziani con lenta evoluzione, si può optare per i trattamenti conservativi. Il trattamento chirurgico è raccomandato nei casi di progressiva debolezza, dolore o disabilità.

 
Farmacoterapia

I farmaci sono utilizzati per ridurre il dolore, spasmi muscolari e altri sintomi. Assicurarsi che ci si informa di tutti i farmaci che sta assumendo (compresi i farmaci naturali, erbe, ecc) così come qualsiasi allergia o reazioni che si sono verificate con le droghe in passato.

Farmaci che controllano il dolore spesso hanno effetti collaterali sullo stomaco e dovrebbero essere presi con inibitori della pompa protonica.

I corticosteroidi sono un anti-infiammatorio molto potente che può essere somministrato per via orale o per iniezione. Purtroppo gli effetti collaterali sono più gravi di quelli precedenti, soprattutto se assunto per lungo tempo.

 

Il trattamento conservativo

Si può alleviare il dolore e migliorare la qualità della vita, ma non arrestare la progressione della malattia o risolvere il problema delle lesioni spinali che égià stabilito.

I pazienti con mielopatia cervicale gradualmente riducono la loro attività e, quindi, la forza, la flessibilità e la resistenza cardio-vascolare. La terapia fisica aiuta a ripristinare la flessibilità del collo, tronco, braccia e gambe, e il controllo delle attività quotidiane in particolare i cambiamenti di postura da seduti, in piedi o alzarsi dal letto, lavarsi, vestirsi, aprendo le porte, dando alle chiavi nella serratura, aprire e chiudere barattoli, telefoni e uso computer, ecc…

Riforme strutturali possono essere necessarie in casa. Forse la lavatrice, asciugatrice, la cucina devono essere spostate in una posizione più conveniente. Un comodino accanto al letto può essere utile. Possono cercarsi alternative di trasporto.

Ho bisogno di intervento chirurgico?

Se la malattia progredisce è meglio intervenire il paziente prima che il livello di compromissione renda l’intervento completamente inutile. Riterdare l’azione non può che portare problemi in futuro. Generalmente, una volta stabilita la mielopatia cervicale, tutti i trattamenti, compresa la chirurgia, non laranno altro che rallentare la progressione della malattia, ma non migliorano né revertono le sequele già stabilite.

L’intervento chirurgico può essere nella parte anteriore del collo (anteriore) o indietro (approccio posteriore). Coinvolgono sempre la rimozione delle ossa, del disco o del legamento per aumentare le dimensioni del canale spinale e quindi alleviare la pressione sul midollo spinale e delle sue radici. Di solito comporta un qualche tipo di stabilizzazione (fusione) delle zone colpite. Essa può essere consigliabile l’applicazione di una protesi di metallo per tenere le vertebre mentre la fusione ossea si verifica. Nella via anteriore una placca è collocata sulla colonna vertebrale e nella via posteriore viti e barre. In casi specifici, possono richiedere un approccio combinato anteriore posteriore. Nelle persone relativamente giovani in grado di implementare una protesi del disco cervicale, ma non è consigliato se in precedenza aveva dolore al collo, perché maggiore mobilità può aumentare il dolore.

Via approccio anteriore i vertebri cervicale
Via approccio posteriori i vertebri cervicale
Via di approccio cervicale anteriore
Via di approccio cervicale posteriore

Dopo l’intervento è stato talvolta applicato sistema di fissazione esterna (collare cervicale o simili).

Molti fattori devono essere presi in considerazione per la gestione della decisione chirurgica. In genere questi includono l’allineamento della colonna vertebrale, il punto di stenosi (avanti o dietro), la qualità dell’osso, il numero di livelli coinvolti, le condizioni generali del paziente. Sulla base di questi fattori può raccomandare un anteriore, un approccio posteriore o approcci combinati.

L’approccio anteriore è effettuato attraverso il collo anteriore. Possono consigliarsi due procedure simili, ma diverse. La prima è una discectomia cervicale anteriore e fusione. Questo può essere uno o più livelli. Questa procedura rimuove il disco e speroni ossei che comprimono il midollo spinale. Il disco viene sostituito con un innesto osseo. Se c’é piiù di un livello affetto può indicarsi  come pratica consigliata la corpectomia, che è la rimozione del corpo di una vertebra, che viene poi sostituita con un innesto osseo.

Mostra approccio del rachide cervicale anteriore
Fresatura di osteofiti che comprimono il midollo spinale in stenosi del canale spinale a livello cervicale
Mostra approccio del rachide cervicale anteriore
Fresatura di osteofiti che comprimono il midollo spinale in stenosi del canale spinale a livello cervicale
La rimozione di speroni ossei che comprimono le radici nervose nella stenosi spinale cervicale
Innesto osseo prelevato dalla cresta iliaca con decompressione piastra metallica della stenosi del canale spinale a livello cervicale
La rimozione di speroni ossei che comprimono le radici nervose nella stenosi spinale cervicale 
Innesto con osso iliaco e  piastra di metallo in decompressione di stenosi del canale spinale a livello cervicale
Vista frontale della corpectomia cervicale con innesto osseo e fissazione della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale
Vista laterale in corpectomia cervicale con innesto osseo e fissaxione della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale
Laterale vista corpectomy cervicale con innesto osseo e fissaggio della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale
Vista frontale della corpectomia cervicale con innesto osseo e fissazione della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale
Vista laterale  in corpectomia cervicale con innesto osseo e fissaxione della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale

Vista laterale  in corpectomia cervicale con innesto osseo e fissaxione della piastra in stenosi del canale spinale a livello cervicale

L'approccio cervicale posteriore
L’intervento per via posteriore é realizzato attraverso la parte posteriore del collo. Le due procedure sono la laminectomia e laminoplastia. In entrambi elimina la pressione sul midollo spinale e delle sue radici. Nella laminectomia posteriore della vertebra, gli elementi posteriori noto anche come le lamine, vengono rimossi. Nella laminoplastia, le lamine non sono rimosse, ma si elevano come una cerniera per ampliare lo spazio attraverso cui passa il midollo spinale..
L’approccio cervicale posteriore
 
Canale cervicale vertebrale di dimensioni normali
Stenosi del canale spinale cervicale
Canale cervicale vertebrale di dimensioni normali
Stenosi del canale spinale cervicale

Colonna vertebrale cervicale normale vista posteriore
Laminectomia cervicale
Colonna vertebrale cervicale normale vista da dietro
Laminectomia vista posteriore
Laminectomia nel trattamento delle stenosi spinale a livello cervicale
Laminoplastia nel trattamento delle stenosi spinale a livello cervicale
Laminectomia nel trattamento delle stenosi spinale a livello cervicale
Laminoplastia nel trattamento delle stenosi spinale a livello cervicale

RM assiale stenosi del canale spinale in sezione a livello cervicale: la situazione pre-operatoria
RM assiale stenosi del canale spinale sezionale dopo laminoplasty cervicale
RM assiale: stenosi del canale spinale a livello cervicale: situazione pre-operatoria
RM assiale: stenosi del canale spinale a livello cervicale: post-laminoplastia

Coronale immagini RM di stenosi spinale a livello cervicale: la situazione pre-operatoria
RM in sezione coronale della stenosi del canale vertebrale cervicale dopo laminoplasty
RM coronale: stenosi spinale a livello cervicale: situazione pre-operatoria

RM coronale: stenosi spinale a livello cervicale: post-laminoplastia

Dopo l’intervento dovrebbe rimanere in ospedale pochi giorni. A volte é prescritto un programma di riabilitazione per promuovere il recupero.

Come risolvere il mio caso?