SINDROME DEL TUNEL CARPALE

Nervo mediano che passa attraverso il tunnel carpale
Il tunnel carpale è una struttura anatomica situata di fronte al polso. Come suggerisce il nome, una sorta di corridoio o tunnel attraversato da elementi importanti per la mobilitazione e la sensibilità della mano. Di questi il più importante è il nervo mediano, che passa attraverso il centro di questo tunnel. Ci sono così tante tendini che passano attraverso il tunnel carpale del nervo mediano ha uno spazio molto piccolo all’interno. Se per qualsiasi motivo (ad esempio, l’ipertrofia delle guaine tendinee) diminuisce ulteriormente questo spazio, il nervo è compresso e visualizza tutti i sintomi associati a questa sindrome.
Nervo mediano che passa attraverso il tunnel carpale
 

Quali sono i sintomi della sindrome del tunnel carpale?

Causa de la sindrome del tunnel carpale: rigonfiamento della guaina del tendine flessore della mano
Questa sindrome si verifica a causa di lesioni compressione del nervo mediano. E ‘comune nelle donne di mezza età, anche se gli uomini può essere visto, è molto più raro. A volte si verifica senza causa apparente, ma può essere associata a varie malattie reumatiche, la gravidanza e anche alcune professioni che utilizzano la mani al lavoro (in particolare in quelli in cui è colpito frequentemente con il palmo della mano!.)
Causa de la sindrome del tunnel carpale: rigonfiamento della guaina del tendine flessore della mano
 

I sintomi sono dolore o intorpidimento o crampi in pollice, indice e il medio della mano, che in genere è più alta di notte e soprattutto all’alba, al punto che in alcuni casi, suscitare al malato/a. Nei casi più avanzati vi è marcata atrofia dei muscoli intrinseci delle mani, specialmente quelle del tenar (libbra di muscolo alla base del pollice). In casi molto avanzati possono anche essere deformità delle dita.

In rosso l'area di intorpidimento e perdita di sensibilità nella sindrome del tunnel carpale
Atrofia Thenar nella sindrome del tunnel carpale
In rosso l’area di intorpidimento e perdita di sensibilità nella sindrome del tunnel carpale
Atrofia Thenar nella sindrome del tunnel carpale

Come viene diagnosticata la sindrome del tunnel carpale?

In generale crediamo che un paziente ha la malattia quando si tratta di sintomi che abbiamo descritto nel paragrafo precedente. Per confermare la diagnosi, e soprattutto per valutare il grado di coinvolgimento del nervo mediano (lieve, moderata o grave) di solito richiedere un test chiamato elettromiografia diagnostica.

 
Qual è il problema?

L’intervento è effettuato attraverso una piccola incisione al polso, in anestesia locale o generale e dura di solito circa 10 a 15 minuti. È quello di individuare il nervo mediano e il suo rilascio in tutto il suo viaggio attraverso il tunnel carpale a smettere di essere compresso. Questo risultato è ottenuto dal taglio di una legamento che passa sopra il nervo e che in questi pazienti è di solito molto duro e ispessito. La dimensione dell’incisione varia a seconda dei chirurghi. Se si utilizza l’endoscopia può ridurre la dimensione della incisione della pelle e può fare le due parti in un’unica procedura chirurgica.
Incisione approccio aperto per la sindrome del tunnel carpale
Sezione di sopra del legamento carpale
Incisione approccio aperto per la sindrome del tunnel carpale
Sezione di sopra del legamento carpale
Nervo mediano in background dopo sezione completa del legamento crociato anteriore del carpo
Immagine chirurgico dopo la sezione completa del legamento crociato anteriore del carpo
Dopo decompressione chirurgica della sindrome del tunnel carpale aperto
Nervo mediano in background dopo sezione completa del legamento crociato anteriore del carpo
Immagine chirurgico dopo la sezione completa del legamento crociato anteriore del carpo
Dopo decompressione chirurgica della sindrome del tunnel carpale aperto
Approccio endoscopico alla decompressione della sindrome del tunnel carpale
Le incisioni di approccio endoscopico per la decompressione della sindrome del tunnel
Approccio endoscopico alla decompressione della sindrome del tunnel carpale
Le incisioni di approccio endoscopico per la decompressione della sindrome del tunnel

Che cosa è normale dopo un intervento chirurgico e che cosa fare dopo le dimissioni?

 
Di solito l’intervento viene eseguito in regime ambulatoriale (il paziente viene a intervento chirurgico e poi va a casa con le istruzioni per i giorni seguenti.) In alcuni casi specifici, principalmente nei pazienti affetti da altre malattie importanti (cardiologia, diabete, ecc), il paziente pagato per una maggiore pre-e di sorveglianza post-operatoria.

Dopo l’intervento si consiglia di tenere il braccio alzato, con un fazzoletto o una fionda, per prevenire il sanguinamento e gonfiore. E ‘anche molto importante non flettere il polso, ma se si sposta un sacco di dita, tra cui il pollice. Quando si passano gli effetti dell’anestesia può disturbare la ferita, ma di solito è abbastanza con la solita analgesici.
 

Quali sono le complicanze più comuni di un intervento chirurgico?

L’intervento è generalmente ben tollerato, senza complicazioni. In alcuni casi, necessaria un’altra operazione per liberare il nervo, se la prima volta non era sufficiente. Anche se raro, può essere a volte una cicatrice dolorosa che richiederebbe anche più chirurgia. Un’altra possibile complicanza è infezione della ferita. Anche se eccezionale, ci possono essere lesioni ai tendini o del nervo mediano.

Come risolvere il mio caso?