DOMANDE FREQUENTI

Cosa devo fare quando arrivo all’ambulatorio numero 16?

In primo luogo assicurarsi che l’ambulatorio è corretto. Sarebbe un peccato aspettare, per errore, nella stanza sbagliata. In secondo luogo, vada dentro e faccia in modo che noi la vediamo, altrimenti non sapremo che é arrivato e potrebbe aspettare innecessariamente o altri pazienti arrivati dopo de lei potrebbero passare avanti. Tuttavia ricordi che l’ora d’appuntamento è approssimativa. Impossibile calcolare con esattezza quanto tempo dura ogni visita. Alcuni casi hanno bisogno di più attenzione e tempo degli altri (pensi che può essere il suo caso). Quindi, per favore abbiate pazienza, ma se qualcosa non vi sembra normale, si metta in contatto con l’infermiera. Pensi, però, che non possiamo prevedere le cose al 100%. Appare a volte un evento imprevisto che ci fa riprogrammare l’intera query. Inoltre, pensi che se fosse lei l’evento imprevisto, vorrebbe essere visto immediatamente.

Cosa si deve fare quando si entra in ospedale?

Vada alla scrivania all’ingresso principale dell’ospedale e mostrari il proprio passaporto. E ‘importante mostrare identificazione per evitare gli errori con il nome. Anche se questo errore non produce, in generale, problemi assistenziali, si che puó generare incidenti amministrativi. Se per esempio si richiede un referto in futuro o se si passa il conto del soggiorno ad una compagnia di assicurazioni può causare errori nell’identificare ed il rifiuto di sostenere i costi necessari per il trattamento.

E ‘richiesto il ricovero ospedaliero e, in caso affermativo, quanti giorni?

Molto dipende dall’attivitá o dal procedimento a cui ci si sottopone. La maggior parte delle procedure percutanee (quelle effettuate con gli aghi), possono essere ambulatoriali (senza bisogno di ricovero o in day hospital). In generale, il ricovero medio postoperatorio é di 1 a 2 giorni nella chirurgia della colonna vertebrale e circa 3 a 5 giorni nella chirurgia del cervello. Dipende da procedura e caso. Non esiti a chiedere riguardo il loro caso e comprenda che sono sempre stime fatte pensando che non ci siano complicazioni. In questo caso, il soggiorno può essere esteso al di là di ciò che è stato detto prima.

CChe tipo di anestesia si utilizza?

In generale dipende dalla procedura o intervento chirurgico a cui presenterà. La maggior parte delle procedure percutanee sono effettuate in anestesia locale e sedazione. Questo facilita la recuperazione e la dimissione. In alcuni casi di altre malattie potrebbe essere richiesto un differente tipo di antestesia. In ogni caso, il nostro team anestetico valuterà il caso e la sua indicazione. Ricordi di lasciare la dentiera prima di andare in sala operatoria, poiché é solo un fastidio, ed in un momento di stress chirurgico, può essere persa.

Si può soggiornare in una camera familiare con me?

Tutte le camere dell’ospedale hanno un divano letto per uso da parte di un familiare o un compagno. Nessun costo aggiuntivo. Chieda le lenzuola alle infermiere. Si prega di ridurre le visite all´ essenziale, soprattutto nei primi giorni del post-operatorio. Pensi che quante più visite, più rischio di infezione.

Cosa succede se ho una domanda da fare?

Non esitate a contattarci in qualsiasi momento. E ‘meglio chiedere che avere un problema per non dar fastidio.

Potremmo metterci in contatto con il suo medico abituale?

Saremmo felici che ci chiami il suo medico per commentarle/gli il suo caso e prendere le decisioni piú adeguate.

Che cosa è la risonanza magnetica (MRI)?

Questa è una procedura non invasiva, senza radiazioni ionizzanti e indolore per valutare il corpo umano. Una risonanza magnetica richiede generalmente 15 minuti a 1 ora. Richiesto di rimanere il più fermi possibile, perché ogni piccolo movimento si deteriora la qualità delle immagini, e spesso richiedono studi di ripetizione. macchine per risonanza magnetica costituiti da un tubo allungato attraverso il quale il paziente si muove mentre giaceva a faccia in su su una piattaforma scorrevole. Ci sono limitazioni per le persone che sono in sovrappeso (oltre 160kgs ..). Per i bambini o coloro che soffrono di claustrofobia dovrebbe effettuare un esame in anestesia. Pur essendo dovuto macchine RM di tipo aperto, ma come stai macchine utilizza un campo magnetico meno potente, la qualità delle immagini sono inferiori a quelle di tipo chiuso

Come devo prepararmi per una risonanza magnetica?

Non c’è bisogno di digiunare o limitare l’assunzione di liquidi prima di RM se non é richiesta l’iniezione di gadolinio (in questo caso si consiglia di due ore di digiuno). Prima dell’avvio della procedura deve ritirare tutti i dispositivi che contengono metalli, come forcine, chiavi, monete, occhiali, gioielli, apparecchi acustici, o cerniere in metallo contenenti abbigliamento e scarpe ovviamente. Carte di credito, orologi e telefoni cellulari saranno danneggiati, se entrano in campo magnetico  poiché si cancella la striscia magnetica. Essi possono anche rompere alcuni impianti medicali come i pacemaker, alcuni tipi di valvole per idrocefalo (non tutti), protesi e clip da aneurisma (solo non-titanio). La maggior parte di clip per aneurisma utilizzati dal 1985 sono compatibili con la risonanza magnetica. Per questo motivo, noi chiederemo sulla sua storia clinica.

Chi non dovrebbe fare una risonanza magnetica?


Gli impianti in titanio sono compatibili con la RM, ma non così con alcuni impianti medici (alcuni clip da aneurisma cerebrale, pacemaker cardiaci, stimolatori elettrici del nervo o del midollo spinale, pompe di infusione di farmaci, corpi metallici estranei negli occhi e impianti cocleari). La maggior parte delle protesi articolari sono ferromagnetiche, ma se sono ben assicurate dentro l’osso non si muoveranno e non costituiranno un problema. Le persone con dispositivi di fissazione esterna, con frammenti di proiettile o clip metallici interni da precedenti interventi di chirurgia dovrebbero essere valutate prima della procedura. La strumentazione metallica in acciaio inossidabile nella colonna vertebrale non è una controindicazione alla risonanza magnetica, ma dato che peggiora la qualità dell’immagine non è utilizzata in questo gruppo di pazienti che richiedono altri metodi di test diagnostici (tomografia computerizzata o TAC). Oggi la maggior parte delle strumentazioni colonna vertebrale sono in titanio e quindi compatibili con la risonanza magnetica. Nelle donne in gravidanza (soprattutto nel primo trimestre) la RM é contraindicata.

Che cosa succede se sto prendendo rimedi erboristici?

La gente prende le erbe per molti motivi e tra questi per migliorare la salute, per cure per le malattie croniche e per il trattamento del dolore. Tuttavia, il fatto che siano erbe non le rende meno pericolose dei farmaci, perché se hanno qualche utilitá è perché hanno un prodotto chimico che svolge la funzione desiderata.

Come i farmaci prescritti dai medici, le erbe possono avere i benefici desiderati, ma, tuttavia, possono anche scatenare effetti collaterali negativi o causare interazioni farmacologiche indesiderate e possono anche causare problemi come sanguinamento gastrico e danno renale.

Un altro problema è che c’è una tendenza a pensare che se le erbe sono buone, quanta piú quantitá piú utili saranno. Tuttavia, i costituenti chimici delle erbe possono essere dannosi se la dose è troppo alta. Questo è uno dei principali problemi derivanti dalla difficoltà di calcolare la dose esatta, per ogni lotto di erbe possono contenere una dose diversa di principio attivo. Le erbe hanno molti componenti che possono anche funzionare in modo diverso a seconda di quando l’erba è raccolta, lavorata o confezionata. Inoltre la contaminazione può verificarsi anche durante la produzione (per esempio, hanno trovato tracce di metalli pesanti in alcuni prodotti asiatici a base di erbe).

Anche le erbe che sono generalmente sicure possono essere pericolose o avere effetti collaterali in determinate condizioni. Ad esempio, alcune erbe possono rallentare la coagulazione del sangue e quindi complicare qualsiasi intervento chirurgico. Esse possono anche causare interazioni con i farmaci usati per l’anestesia.

Così, senza esitazione o vergogna notifichi qualsiasi prodotto di erboristeria che sta assumendo, soprattutto se si deve sottoporre a  chirurgia, perché molte di queste erbe alterano la coagulazione del sangue. Ad esempio, il Sintrom ® (un anticoagulante), ginkgo biloba (un’erba), l’aspirina (un anti-aggregante) e la vitamina E possono ridurre la coagulazione sanguigna, e prendendo questi prodotti, allo stesso tempo può aumentare rischio di sanguinamento. L’erba di San Juan riduce l’efficacia del farmaco anti-AIDS, può aggravare malattie renali, e riduce l’efficacia dei farmaci usati nelle malattie cardiache, depressione nervosa, convulsioni, alcuni tipi di cancro o di pillole anticoncezionali.

Per evitare problemi può essere consigliabile smettere di prendere la medicina erbale almeno 1 settimana prima dell’intervento chirurgico. Le erbe più pericolose sono quelle che alterano la pressione o la coagulazione del sangue.

Non si fidi troppo delle specifiche che vengono nel confezionamento di erbe. Da un lato non sempre vi è il controllo dello Stato (Ministero della Salute) sul contenuto di ciò che viene detto sulla confezione. D’altra parte, spesso i prodotti sono importati da altri paesi dove i controlli sanitari non sono così rigidicome si potrebbe desiderare.